Testati i nuovi roller per tapparella KYMOTEK Group

Forum dedicato ai test dei prodotti
Avatar utente
staff
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 120
Iscritto il: 29/04/2008, 0:11

Testati i nuovi roller per tapparella KYMOTEK Group

Messaggio da leggereda staff » 08/02/2016, 12:36

Abbiamo avuto l'opportunità di provare i nuovi sensori tapparella a marchio KymoteK Group, un nuovo Brand della Sirsen e Sima Elettronica assemblati in Italia e distribuiti da Sirsen.
Al primo approccio è evidente che stiamo parlando di una famiglia di prodotti sulla quale è stata posta particolare attenzione all'aspetto tecnico rendendola unica nel suo genere.
La Kymotek ha brevettato un sistema per il quale vengono presi in considerazione solo gli impulsi generati dal sollevamento della tapparella, escludendo quindi il meccanismo in fase di abbassamento (questo riduce del 50% il lavoro del roller) con conseguente riduzione dei guasti e rotture provocati dall'usura del prodotto oltre che azzerare completamente i falsi allarmi generati dalle tapparelle che nel tempo si abbassano da sole, sia perché la carrucola del meccanismo manuale è lenta, sia per qualsiasi altro motivo.
Tutti i modelli da noi provati possiedono, quindi, oltre al singolare meccanismo di rilevamento della sola alzata della tapparella, anche una sorta di mini prolunga integrata nel corpo del sensore; tale prolunga è in plastica e forata in un punto per consentirne il fissaggio in prossimità della fuoriuscita del filo di nylon. Questo consente l'installazione del roller in posizione arretrata rispetto alla tapparella senza l'ausilio di accessori (prolunghe, slitte ecc).

Immagine

Immagine

(Particolare della fuoriuscita del cavetto e della ruotina.)

Questa prolunga, anche se non è alla pari di certe prolunghe in metallo presenti in commercio, consente comunque a “costo zero”, di posizionare il sensore in maniera opportuna, soprattutto all’interno di quei cassonetti a volte un po’ “difficili”.
Le dimensioni dei sensori sono 89 mm di larghezza, 115 mm di lunghezza e 16 mm di spessore.
Il costruttore dichiara che la molla del meccanismo di recupero è in acciaio AISI 301 ed è garantita 10 anni, il cordino di colore nero è lungo 3,4 mt, quindi sufficiente anche per le Portefinestre più alte e il microswitch è della OMRON.
Ogni scatto del meccanismo viene generato per un’alzata di tapparella di circa 5 cm.
Vengono fornite a corredo tutte le viti necessarie, anche per il fissaggio del cordino e del braccetto di prolunga.

Immagine

La plastica, con la quale sono stati realizzati questi sensori, offre una sensazione di robustezza, come pure la tenacità del cordino in nylon garantisce uno scorrimento sicuro e affidabile sulla carrucola di materiale plastico.
I modelli provati sono i seguenti:

XL Regular
E’ un sensore tradizionale che offre ai morsetti un’apertura veloce del contatto al verificarsi della sola alzata della tapparella.
Quindi occorre collegarlo ad un ingresso zona di centrali di allarmi o espansioni in grado di rilevare le aperture veloci.

Immagine

XL 1
E’ un sensore con scheda analisi incorporata. Come potete vedere dalle foto vi sono 2 ingressi per il collegamento dell’alimentazione (da 6 a 24V) e per l’uscita verso l’ingresso zona della centrale.

Immagine

Immagine

L’uscita è del tipo NC e rimane aperto per 1 secondo. Il trimmer regola il numero degli impulsi necessari affinché sia generato l’allarme. Il numero degli impulsi va da 1 a 8 e il trimmer di regolazione, non essendo a scatti ma con regolazione lineare, potrebbe generare qualche incertezza; quindi la regolazione di default prevede l’indicatore al minimo (tutto in senso antiorario) 1 scatto , a mezza regolazione 4 scatti e a fine corsa (tutto in senso orario) 8 scatti. Ogni scatto viene generato dal cordino per un’alzata di 5 cm circa.
Abbiamo trovato comodo la dicitura impressa nello sportello e non a bordo del sensore: all’interno del cassonetto a volte la scarsa luminosità impedisce di capire esattamente la serigrafia presente a bordo del sensore. Avere una dicitura scritta in modo chiaro e di dimensioni generose sullo sportello offre un ulteriore aiuto all’installatore.
Infine l’assorbimento a 13,8 V si aggira attorno ai 4-7 mA, quindi la sezione dei cavi da usare può essere tranquillamente da 0.22 mm anche per l’alimentazione.

XL 2
E’ un sensore con scheda analisi incorporata adatto ad essere interfacciato con sistemi wireless non dotati di conteggio impulsi con consumo a riposo < 1uA.
Dotato di doppia alimentazione (interna da batteria di serie al litio 3V CR 2032 con durata > 7 anni ed esterna da 6 a 24V Dc) il dispositivo si presta in modo eccellente in tutte quelle installazioni ove siano presenti trasmettitori privi di conteggio impulsi o collegamenti a soli 2 conduttori a centrali esistenti ma prive di conteggio a bordo.
XL2 presenta anche un uscita batteria bassa a bordo (NC verso comune).

Notiamo che l'alimentazione esterna da 6 a 24V Dc non si presta al collegamento con i trasmettitori wireless più diffusi in quanto sono generalmente alimentati da batterie a 3V. Tuttavia i nostri test hanno dimostrato il corretto funzionamento del dispositivo con batteria a bordo.

Tip & trick: volendo si può ricorrere all'alimentazione del dispositivo prelevando l’alimentazione dal trasmettitore wireless effettuando con la dovuta cautela le saldature ai poli della vaschetta porta batteria (procedura non autorizzata dal costruttore) in modo da ottenere un’ unica segnalazione di batteria bassa.

Le caratteristiche tecnico funzionali riguardanti l'uscita di allarme e il conteggio impulsi del XL2 sono speculari all' XL1.

IN CONCLUSIONE:
Abbiamo finalmente testato dei roller per tapparella sicuramente al di fuori della comune produzione conosciuta che ci lasciano ben sperare per il futuro ;-)

Stay tuned...
Il tuo piccolo contributo aiuta lo sviluppo del forum!

Torna a “I Test di Forum Sicurezza”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti