Fare gruppo serve?!

Avatar utente
Roberto Videoallarmi
Installatore Sicurezza
Installatore Sicurezza
Messaggi: 58
Iscritto il: 21/12/2010, 18:53
Skype: franzeroberto
Località: Roma

Re: Campagna videoalarm

Messaggio da leggereda Roberto Videoallarmi » 02/01/2011, 23:56

Ciao Emanuele

Ok, se anche gli altri sono d'accordo, mi prendo io l'impegno di moderare questa discussionee e di vivacizzarla un po', nel momento che la rendiamo privata invio le prime idee operative su cui discutere.
Già cinque persone motivate sono un buon inizio, poi qualche altro installatore interessato lo conosco io.

Saluti
Il CLIENTE, non sa nulla della sicurezza, vuole solo essere PROTETTO e RASSICURATO.
La mia PROFESSIONE consiste nell'offrire la migliore soluzione di sicurezza, considerando le esigenze del cliente e la sua volontà e/o possibilità di spesa.

Avatar utente
Patrizio Bosello
Produttore sicurezza
Produttore sicurezza
Messaggi: 418
Iscritto il: 02/10/2008, 13:35
Località: Padova
Contatta:

Re: Fare gruppo serve?!

Messaggio da leggereda Patrizio Bosello » 03/01/2011, 13:03

Grazie della precisazione sul tuo sito, Roberto.
La trovo onesta e corretta.

Metto qui tre link che mi sembrano ben significativi su alcune discussioni sull'argomento, relative ai primi mesi del 2009.
Rileggerle, e sapere che sono passati ormai due anni da allora, può innescare una qualche riflessione, e comunque nelle partecipazioni di opinione ci sono spunti ancora oggi interessanti, anche per non riscrivere le medesime cose.

viewtopic.php?f=146&t=6669&st=0&sk=t&sd=a

viewtopic.php?f=66&t=6681&st=0&sk=t&sd=a

viewtopic.php?f=32&t=6645&st=0&sk=t&sd=a

L'impressione, comunque, che ben più di qualcosa si stia muovendo nel settore è corretta, e la crisi ha accelerato movimenti e modificato schemi di filiera che apparivano consolidati.
E' interessante capire se, al di là di pulsioni momentanee, gli operatori numericamente più rilevanti, cioè gli installatori, suddivisi in una miriade di sottosettori e di interessi diversi, abbiano una percezione chiara di quello che è, ma soprattutto sarà, il loro ruolo e il loro spazio di mercato in futuro nel comparto della sicurezza.
Quello che si legge nei post di 2 anni fa è praticamente identico al "sentiment" di oggi, ma intanto è passato tempo e il mercato ha fatto delle "svirgole" anche violente per gli operatori.
E dunque?
Nel mio quotidiano rapporto con gli installatori di aree geografiche diverse avverto di tutto: da chi è graniticamente sulle proprie posizioni, convintissimo di avere il coltello dalla parte del manico e che nulla cambierà, a chi disperato si vede portar via da sotto il naso contratti ed impianti sia di fascia alta, per fondati motivi, sia di fascia medio-bassa, per altri altrettanto fondati motivi.
Tra i due estremi atteggiamenti c'è una serie pressochè infinita di opinioni diverse.
Il problema è sempre quello: l'errore di pensare che la propria situazione individuale e localistica rispecchi la realtà dell'intero mercato nazionale.
Mi chiedo se gli installatori facciano abitualmente nella propria impresa, grande o piccola che sia, delle analisi oggettive del proprio operato immerso in una realtà di mercato rapidamente mutevole, per prevenire problemi e per mettere in campo mutamenti preventivi alla propria struttura con anticipo rispetto al momento nel quale il problema si presenta concretamente.
L'ho detto più di una volta qui nel forum: la carenza non è nella capacità tecnologica, anche se le reti stanno ponendo seri problemi alla massa degli installatori "classici", bensì nella capacità di impostare un marketing coerente, e un altrettanto incisivo aumento nelle abilità e nelle capacità commerciali e di vendita.
Senza queste la tecnica, essenziale ma non sufficiente, serve a ben poco e rimane un bell'elemento autoreferenziale sul quale crogiolarsi, ma non genera business oltre a quello quotidiano, se e quando c'è.
Di rapporto di conoscenza oggettiva dei movimenti di altre realtà che di quel business fanno il proprio obiettivo centrale ce n'è molto poco, con in più la tendenza a minimizzare fenomeni o a snobbarli, ma è solo dalla conoscenza e dal capire come possano avere successo che deriva la strategia per opporvisi o per contrastarli.

Il mio post minaccia di farsi lunghissimo, quindi lo tronco qui, ma seguirò con piacere le opinioni e le azioni che spero di vedere concrete e numerose.

Ciao a tutti
Occuparsi di sicurezza è una professione seria, anche se in Italia si fa di tutto per negarlo quotidianamente.

Avatar utente
Emanuele Colombo
Staff
Staff
Messaggi: 474
Iscritto il: 14/03/2008, 16:49
Località: Castellanza VA
Contatta:

Re: Fare gruppo serve?!

Messaggio da leggereda Emanuele Colombo » 03/01/2011, 19:16

Patrizio il mio desiderio è di aprire la pagina del forum domani mattina e leggere almeno ... non dico tanti ma più di 7-8 post di risposta a questo argomento....
ma sono pronto a scommettere che nemmeno se lo apro tra 3 giorni leggerò questi sette otto messaggi di istallatori....
pazienza... ma poi onestamente perchè fare una associazione??? ce ne sono già tante::::

1 Asso spazzacamini : WohoW :
2 Asso ristoranti giapponesi in italia : shock :
3 asso Hara Yoga : dance1 :
4 Asso prostitute onlus : Groupwave :
5 Asso videogiochi : gamer :
6Asso venditori ambulanti : MrOrange : : MrBlue : : MrViolet :
7 A.T.omo asso tennisti omosessuali : Surprice :
HO tutte vere e ce ne sono molte altre.........
Onestamente sono indeciso ... mi piace il tennis ma mi sa che divento socio della 4.
A parte gli scherzi chissa perchè questi fanno gruppo???????
Sicuramente non sono svegli come noi che ce la caviamo sempre da soli ognuno per conto proprio.....
Ciao By Ema.
I veri uomini non sono quelli che non cadono mai ma quelli che sanno rialzarsi...by Ema

Ti piace il forum? Contribuisci alla sua crescita, versa un piccolo contributo anche tu!

Avatar utente
Davide Marcomini
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4045
Iscritto il: 03/10/2007, 20:06
Skype: Davide.Marcomini
Località: Rovigo
Contatta:

Re: Fare gruppo serve?!

Messaggio da leggereda Davide Marcomini » 03/01/2011, 19:45

Emanuele Colombo ha scritto:Patrizio il mio desiderio è di aprire la pagina del forum domani mattina e leggere almeno ... non dico tanti ma più di 7-8 post di risposta a questo argomento....
ma sono pronto a scommettere che nemmeno se lo apro tra 3 giorni leggerò questi sette otto messaggi di istallatori....
pazienza... ma poi onestamente perchè fare una associazione??? ce ne sono già tante::::

A parte gli scherzi chissa perchè questi fanno gruppo???????
Sicuramente non sono svegli come noi che ce la caviamo sempre da soli ognuno per conto proprio.....
Ciao By Ema.


Io sono sempre e nonostante tutto convinto che fare gruppo sia importante, perchè noi non ci riusciamo? Dici che siamo svegli Ema, io credo che la maggior parte di noi creda di essere TROPPO sveglio per doversi abbassare a fare una cosa del genere, una buona percentuale di installatori frequenta i forum per carpire informazioni per poi spacciarle per proprie e non per condividerle, non faccio nomi ma c'è gente che non sapeva nemmeno la differenza tra singolo e doppio bilanciamento e ora dispensa saggezza sui forum............. : wonder :

PS
Manca ancora una mia precisazione, vorrei lasciare in area pubblica questa discussione ed eventualmente spostare in area privata gli approfondimenti che dovessere ritenersi utili qualora ve ne fossero.

Avatar utente
Marco Guerrato
Staff
Staff
Messaggi: 622
Iscritto il: 27/11/2008, 11:57
Skype: marcoguerrato
Località: Segrate (MI)
Contatta:

Re: Fare gruppo serve?!

Messaggio da leggereda Marco Guerrato » 03/01/2011, 21:18

Fare gruppo e' una cosa a cui tengo da molto tempo.
24 anni fa, quando iniziai a lavorare per una grossa ditta di telecomunicazioni si faceva gruppo solo per andare in mensa.
Le informazioni erano tenute strettamente nascoste dai "vecchi" e noi giovani dovevamo impazzire dietro un guasto o per capire il funzionamento di un'apparecchiatura.
Mi ricordero' sempre il mio primo lavoro - incarico: riparare una macchina di prova costituita da qualcosa come 530 rele' ( a doppio, singolo, triplo scambio ecc. ecc.).
Facemmo gruppo ( eravamo in 2 poi in 3 ) e in poco piu' di 1 mese, nei ritagli di tempo, lo riparammo.
Se ero da solo credo che oggi ero ancora li per tentare di ripararlo.
Poi col tempo, con le nuove tecnologie, cercai sempre di condividere quello che sapevo coi miei colleghi fiero del motto: piu' siamo a sapere una cosa e quando siamo nella cacca veniamo a galla da soli.
Gli invidiosi c'erano sempre, sempre coloro che all'inizio facevano tanto i preziosi e forse, ancora oggi, se sono al mondo, forse non hanno capito lo spirito di squadra che spesso risulta sempre vincente.
Eravamo pero' tutti dipendenti, con piu' o meno lo stesso stipendio, e questo spirito di corpo poteva resistere.

Questo per me e' stato un grosso bagaglio culturale e di vita e ad oggi porto prezioso questo mio modo di affrontare il lavoro.

Poi abbandonando il lavoro da dipendente mi sono trovato da solo nella giungla milanese e sinceramente un po' mi manca quel vecchio spirito di squadra, anche se qualcuno di questo forum forse ha imparato ad apprezzare e apprezzarmi per questo: e' per questo spirito di far gruppo che mi ha fatto avvicinare al Forum e a farne parte.

Perche' non riusciamo a fare gruppo ?

Secondo me, in generale, nel mondo degli artigiani c'e' troppo spirito di incularsi gli uni contro gli altri, lo vedo nel mio piccolo: Tecnici o meglio Personaggi che si definiscono " simbolo di onesta' e professionalita' " che ti lisciano, come fa il diavolo, per rubarti poi l'anima.
Vecchie conoscenze che vedono che io... lavoro... che mi chiedono addirittura di fargli Scuola per poi, appena giri le spalle, accoltellarti la schiena.
Tecnici che se potessero mi darebbero fuoco, per invidia, che poi ti telefono non capendo cosa sia un Sensore Selettivo.
Altri personaggi che sparlano male di me appena giro l'angolo, denigrando il mio lavoro appena possono.
Tutte esperienze maturate da me direttamente nel breve tempo della mia attivita' privata.

Questa e' la giungla di cui parlo, e io l'ho notata qui a Milano ma credo proprio che tutto Mondo e' Paese.

Da qualche mio amico mi sono sentito dire: "Ma uno come te come fa ad avere problemi su questa cosa... dai non fare il modesto"
Io invece credo che essendoci sempre qualcosa da imparare, e dato che davanti ad un problema tutti ci siamo sentiti delle cacche col culo per terra, abbiamo solo da guadagnare confrontandoci e dandoci sostegno, appunto facendo gruppo.

E' forse il mio un modo di pensare vecchio e retro' ?
Bho.

Credo che riusciremo a fare gruppo solo con soggetti che: o sono amici, o lavorativamente parlando sono troppo distanti per accoltellarsi alle spalle.

E poi, del tipo che i boomerang tornano sempre indietro, prima o poi qualcuno qui nel Milanese lo vedro' passare, io seduto sulla riva del fiume... come il famoso detto Cinese... o Giapponese... insomma avete capito !

Hasta la vista.

Marco.

Avatar utente
Emanuele Colombo
Staff
Staff
Messaggi: 474
Iscritto il: 14/03/2008, 16:49
Località: Castellanza VA
Contatta:

Re: Fare gruppo serve?!

Messaggio da leggereda Emanuele Colombo » 03/01/2011, 21:33

ok allora ragazzi se qui non si muove niente iscrivo anche voi nell'associazione prostitute onlus???????
o cè qualcuno che vuole essere iscritto all'asso tennis???? : laugh : : laugh : : laugh :
dai rido per non piangere...
ps. mese di gennaio praticamente fermo... a casina a riposare : beach :
: blush : : blush : : blush :
X ALEX... visto che ho tempo libero andrò a trovare i ragazzi alla pinetina... porterò i tuio saluti : drinks :
I veri uomini non sono quelli che non cadono mai ma quelli che sanno rialzarsi...by Ema

Ti piace il forum? Contribuisci alla sua crescita, versa un piccolo contributo anche tu!

Federico P.
Installatore Sicurezza
Installatore Sicurezza
Messaggi: 394
Iscritto il: 14/05/2008, 21:30

Re: Fare gruppo serve?!

Messaggio da leggereda Federico P. » 04/01/2011, 22:34

Allora visto che oramai vuole un antifurto (desiderio nato anche con i nostri soldi) va su google e cerca "antifurto casa" e trova per primo http://www................(l'azienda ha chiesto la rimozione dei propri riferimenti in quanto ritunuti dannosi per l'immagine della stessa) è qui cari miei il 50% delle persone si fermano, perchè hanno trovato quello che cercano RASSICURAZIONE A BASSO COSTO, noi lo sappiamo che è una falsa sicurezza, ma loro non lo sanno e si guardano bene dal dirglielo.


Puoi star certo che una buona percentuale, dopo non molto tempo se ne rende conto.

In merito a tutte le discussioni Videoalarm dico che secondo me, come del resto hai già detto tu, andavano portate avanti e rese visibili ai soli operatori del settore. Ci sarebbe anche da dire che è comprensibile lo stato d'animo di molti, dopo tutto l'accaduto. Di conseguenza queste discussioni penso e spero verranno lette a Torino con particolare attenzione, perchè come è già stato detto, TA deve la sua attuale situazione a tutti quei piccoli o grandi artigiani che da trent'anni la utilizzano, con passione, professionalità e impegno. Poi, per chi come avevo già scritto, ha deciso di sposarsi anche con questa (oltre che con la moglie), senza voler vedere altro.......ben venga. Ognuno è portato a prendere delle decisioni, assumendosene di conseguenza la resposabilità. Non esiste solo TA, molte aziende, anche più giovani, oggi propongono "soluzioni" altrettanto valide.

Per quanto rigurada la politica commerciale.............mah...... : wonder : installatori che operano anche come distributori verso i colleghi, pur di portare qualche euro in più in cassa e far contento il commerciale o r.vendite di turno.

Mi è stato richiesto un preventivo per tvcc. Bene, la prima frase.. Sai, ho visto che alla metro danno un kit per 4-500 euro, vorrei spendere su quel tanto, al massimo 800 euro... : punizione :

Parlare di associazioni e quant'altro quando ci sono individui non meglio identificati che operano alla luce del sole, senza alcun titolo o iscrizione da nessuna parte. Poi ti guardi in giro e trovi impianti realizzati con apparecchiature da due soldi, datate, installate in 5 minuti, tutto nello stesso punto per evitare di perdere tropo tempo a stendere qualche metro di cavo in più......Questo purtroppo è ciò che il cliente richiede, Spendere due lire. Quando poi arriva chi ha quella P di professionista maiuscola passa per ladro, disonesto, ecc....

Noto la presenza di troppi: già detto, già scritto.......
Federico. : wink :
Ultima modifica di Davide Marcomini il 22/01/2011, 13:55, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: l'azienda ha chiesto la rimozione dei propri riferimenti in quanto ritunuti dannosi per l'immagine della stessa

Avatar utente
Davide Marcomini
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4045
Iscritto il: 03/10/2007, 20:06
Skype: Davide.Marcomini
Località: Rovigo
Contatta:

Re: Fare gruppo serve?!

Messaggio da leggereda Davide Marcomini » 06/01/2011, 11:48

Questa discussione ha subito un ulteriore upgrade ed è stata parzialmente spostata in un area non visibile del forum, per continuare a seguirla, chiedi l'autorizzazione allo staff di FS.


Torna a “Collaborazioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti