Impianto allarme Comelit: consigli

Richieste private, di assistenza e aiuto
Avatar utente
Davide Marcomini
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4115
Iscritto il: 03/10/2007, 20:06
Skype: Davide.Marcomini
Località: Rovigo
Contatta:

Re: Impianto allarme Comelit: consigli

Messaggio da leggereda Davide Marcomini » 23/03/2014, 9:28

Ciao, una foto avrebbe aiutato.....così senza poter vedere riesco a dirti solo che spesso bisogna ricorrere a particolari "accrochi" usando anche reed di un tipo e il magnete di un altro oppore occorre mettere uno spessore per raggiungere l'altezza corretta.

ale0703
Nuovo utente
Nuovo utente
Messaggi: 29
Iscritto il: 15/03/2014, 23:45

Re: Impianto allarme Comelit: consigli

Messaggio da leggereda ale0703 » 23/03/2014, 15:29

Davide Marcomini ha scritto:Ciao, una foto avrebbe aiutato.....così senza poter vedere riesco a dirti solo che spesso bisogna ricorrere a particolari "accrochi" usando anche reed di un tipo e il magnete di un altro oppore occorre mettere uno spessore per raggiungere l'altezza corretta.

Purtroppo le finestre non sono ancora state installate quindi non posso fare alcuna foto! : wonder :
Anche le tracce che ho fatto per portare i cavi sono approssimate, quindi dovrò riprendere il lavoro una volta installati i serramenti : sad : Quando si dice lavorare male!
Se non altro, almeno da come dici, posso usare reed e magneti di marche diverse e la cosa è già un'opportunità in più. : good :
Ale

ale0703
Nuovo utente
Nuovo utente
Messaggi: 29
Iscritto il: 15/03/2014, 23:45

Re: Impianto allarme Comelit: consigli

Messaggio da leggereda ale0703 » 27/03/2014, 22:35

Sono a buon punto nell'installazione dell'impianto ma ho riscontrato alcuni problemi che mi stanno bloccando
Il primo problema è relativo al collegamento BUS della tastiera.
La mia domanda è la seguente: Invertendo i due fili che fanno la connessione Bus cambia qualcosa oppure no?
Nella descrizione della morsettiera a pagina 17 del manuale tecnico c'è scritto che il pin 4 siglato "B" è dedicato al Bus dati RS485-A e il pin 5 siglato "A" è dedicato al Bus dati RS485-B, esattamente il contrario rispetto a tutti gli altri moduli di espansione in cui pin e Bus coincidono. (Bus dati RS485-A sul pin siglato "A" e Bus dati RS485-B sul pin siglato "B").
La cosa è fuorviante perché a questo punto per collegare il Bus-A e il Bus-B non so se rispettare quanto riportato sulla colonna "Funzione" che è uguale per tutti i moduli/espansioni, oppure rispettare il nome del pin. Al momento ho collegato i fili con lo stesso colore rispettando la sigla dei pin, ("A" con tutti gli altri "A" e "B" con tutti gli altri "B") ma mi trovo i due fili BUS sulla tastiera invertiti tra di loro. La cosa crea problemi oppure mi sto creando dei problemi inutili ?
Secondo problema riguardante la sirena esterna.
Sulla sua morsettiera ci sono sette morsetti. Escludendo il 12 V + e il 12 V - nonché il tamper, di cui si sa come collegarli rimangono altri tre morsetti. Il COM ALL dovrebbe essere il positivo di controllo che va collegato sul morsetto NC della centrale. Poi rimangono il COM LED e il ING TEST. Questi morsetti dove vanno collegati sulla centrale ? Non ci sono morsetti con lo stesso nome sulla morsettiera della centrale. Come dovrei comportarmi ?
Questi sono solo i due dubbi che mi fanno arrovellare in questo momento, ma non escludo che ve ne saranno altri in fase di assemblaggio e collegamento dell'impianto.
Ale

Avatar utente
Davide Marcomini
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4115
Iscritto il: 03/10/2007, 20:06
Skype: Davide.Marcomini
Località: Rovigo
Contatta:

Re: Impianto allarme Comelit: consigli

Messaggio da leggereda Davide Marcomini » 27/03/2014, 22:47

Ciao Ale,
normalmente se inverti il bus non dovrebbe succedere nulla ma seguirei alla lettera il manuale e gli eventuali schemi elettrici.

Per la sirena invece, il led e il test non sono indispensabili, se li vuoi utilizzare devi collegarli a delle uscite opportunamente configurate.

ale0703
Nuovo utente
Nuovo utente
Messaggi: 29
Iscritto il: 15/03/2014, 23:45

Re: Impianto allarme Comelit: consigli

Messaggio da leggereda ale0703 » 27/03/2014, 23:05

Davide Marcomini ha scritto:Ciao Ale,
normalmente se inverti il bus non dovrebbe succedere nulla ma seguirei alla lettera il manuale e gli eventuali schemi elettrici.

Per la sirena invece, il led e il test non sono indispensabili, se li vuoi utilizzare devi collegarli a delle uscite opportunamente configurate.


Purtroppo queste ultime domande sono dovute alla pochezza e alla imprecisione di ciò che mi stai consigliando di seguire alla lettera: il manuale : attach : : shock :
E' proprio qui che ho riscontrato quello che ho giudicato un errore di stampa ma che può indurre in errore, in particolare i neofiti come me...
Ma tornando a noi, quindi sostieni che invertendo i due fili del bus, non dovrebbe accadere nulla. Meno male così non devo riaprire la tastiera per rifare i collegamenti!
Per la sirena invece, siccome la devo installare domattina ed è posizionata molto in alto, al primo piano, e per arrivarci devo usare una scala estensibile molto lunga, collegherò tutti i morsetti, visto che ho conduttori a sufficienza che arrivano nella centrale, e poi deciderò con comodo cosa fare.
Ale
Ultima modifica di ale0703 il 27/03/2014, 23:14, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Davide Marcomini
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4115
Iscritto il: 03/10/2007, 20:06
Skype: Davide.Marcomini
Località: Rovigo
Contatta:

Re: Impianto allarme Comelit: consigli

Messaggio da leggereda Davide Marcomini » 27/03/2014, 23:11

No, hai frainteso, non succede nulla di dannoso ma la tastiera non funziona, quindi se hai invertito il bus devi riaprire e cambiare collegamenti : laugh :

ale0703
Nuovo utente
Nuovo utente
Messaggi: 29
Iscritto il: 15/03/2014, 23:45

Re: Impianto allarme Comelit: consigli

Messaggio da leggereda ale0703 » 27/03/2014, 23:41

Ho capito che ho preso una fregatura con questo impianto! : Andry : Contatterò Comelit o mi farò dare il telefono di qualche installatore che conosce bene questo allarme e vediamo se mi potrà dare risposte certe, in modo da non dover rifare i collegamenti perché a questo punto non so più che pesci prendere...
Ale

ale0703
Nuovo utente
Nuovo utente
Messaggi: 29
Iscritto il: 15/03/2014, 23:45

Re: Impianto allarme Comelit: consigli

Messaggio da leggereda ale0703 » 29/03/2014, 19:10

Avrei bisogno di alcuni consigli di carattere pratico.
Il cavo che ho usato è un cavo a 8/10 conduttori.
Sono avvolti da una sottile pellicola plastica e all'interno c'è una serie di sottilissimi fili di rame nudo.
Il cavo è schermato tramite un sottile film di alluminio o almeno credo che sia questo materiale.
Parlando di "massa" dei cavi, il manuale sconsiglia di utilizzarle come fossero un conduttore di corrente.
Inoltre dice di raggrupparle tutte in centrale in un unico punto per poi collegarle sul negativo di alimentazione. Questo per evitare la formazione di anelli di massa.
Dal lato dei componenti invece come ci si deve comportare, la schermatura si taglia o si deve tenere e isolare ?
Col nome "massa" dei cavi poi cosa si intende ? Solo il film di alluminio oppure anche quei fili scoperti che corrono lungo il cavo ?
Ho provato ad attorcigliare fili di rame nudo e il film d'alluminio ma è venuta fuori una schifezza ! Se attorciglio tanto per ridurre la sezione il film si spacca perché è fragile !
Parliamo di sensori. Il manuale consiglia di collegare le resistenze per eseguire il doppio bilanciamento il più vicino possibile ai sensori, per ridurre al minimo il rischio di sabotaggi.
Pensavo di saldare le resistenze dove il cavo esce dal corrugato sotto traccia, coprire con guaina termo restringente e poi "spingere" il tratto di cavo all'interno del tubo corrugato. Cosa ne pensi ? C'è un modo migliore per eseguire questo lavoro ?
Ale

Avatar utente
Davide Marcomini
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4115
Iscritto il: 03/10/2007, 20:06
Skype: Davide.Marcomini
Località: Rovigo
Contatta:

Re: Impianto allarme Comelit: consigli

Messaggio da leggereda Davide Marcomini » 29/03/2014, 19:34

ale0703 ha scritto:Avrei bisogno di alcuni consigli di carattere pratico.
Il cavo che ho usato è un cavo a 8/10 conduttori.
Sono avvolti da una sottile pellicola plastica e all'interno c'è una serie di sottilissimi fili di rame nudo.
Il cavo è schermato tramite un sottile film di alluminio o almeno credo che sia questo materiale.
Parlando di "massa" dei cavi, il manuale sconsiglia di utilizzarle come fossero un conduttore di corrente.
Inoltre dice di raggrupparle tutte in centrale in un unico punto per poi collegarle sul negativo di alimentazione. Questo per evitare la formazione di anelli di massa.
Dal lato dei componenti invece come ci si deve comportare, la schermatura si taglia o si deve tenere e isolare ?
Col nome "massa" dei cavi poi cosa si intende ? Solo il film di alluminio oppure anche quei fili scoperti che corrono lungo il cavo ?
Ho provato ad attorcigliare fili di rame nudo e il film d'alluminio ma è venuta fuori una schifezza ! Se attorciglio tanto per ridurre la sezione il film si spacca perché è fragile !
Parliamo di sensori. Il manuale consiglia di collegare le resistenze per eseguire il doppio bilanciamento il più vicino possibile ai sensori, per ridurre al minimo il rischio di sabotaggi.
Pensavo di saldare le resistenze dove il cavo esce dal corrugato sotto traccia, coprire con guaina termo restringente e poi "spingere" il tratto di cavo all'interno del tubo corrugato. Cosa ne pensi ? C'è un modo migliore per eseguire questo lavoro ?
Ale


Normalmente parliamo di "schermatura" o "calza", in ogni caso composta dai fili di rame e dal foglio di alluminio poichè la vera schermatura in calza di rame non esiste più da molto tempo nei cavi per questo utilizzo, puoi rispettare quanto consigliato dal produttore collegando a terra e/o a negativo i fili di rame lato centrale, lasciandoli appesi (scollegati) lato rivelatore/periferica.

Una buona soluzione per le resistenze, se parli di contatti magnetici è utilizzare quelli a morsetti con coperchio vedi CSA405 ma in alternativa puoi fare come dici tu, preferibilmente coprendo tutto con della guaina termorestringente.

ale0703
Nuovo utente
Nuovo utente
Messaggi: 29
Iscritto il: 15/03/2014, 23:45

Re: Impianto allarme Comelit: consigli

Messaggio da leggereda ale0703 » 29/03/2014, 21:22

Concordo in toto su ciò che mi hai detto.
Purtroppo sto ancora aspettando che mi vengano consegnati i contatti, ma al 99% sono sprovvisti di morsetti. Mi pare che abbiano il cavetto che fuoriesce dal corpo del contatto. Comunque, quando li avrò, ci studierò sopra e, se ci sarà la minima possibilità di aprirli per collocare le resistenze al loro interno, non esiterò a farlo.
Ale

ale0703
Nuovo utente
Nuovo utente
Messaggi: 29
Iscritto il: 15/03/2014, 23:45

Re: Impianto allarme Comelit: consigli

Messaggio da leggereda ale0703 » 31/03/2014, 21:58

Sempre a proposito di doppio bilanciamento. Devo collegare i tamper antistrappo delle due sirene e della centralina sulla linea 24H. In totale quindi tre contatti. Le istruzioni della centrale dicono che l'ingresso 24H può solo essere configurato come doppio bilanciato. Sul manuale c'è l'esempio solo con due contatti. Come faccio a farlo con tre ? La resistenza la metto in parallelo a un contatto e collego gli altri due in serie oppure faccio il parallelo resistenza / due contatti e l'altro lo metto in serie ? Ovviamente in entrambi i casi completo il circuito con la seconda resistenza in serie sul negativo.
Quindi quale opzione delle due, oppure ce n'è una terza che non conosco ma qualche anima pia può suggerirmi...?
Ale





Modifica

Avatar utente
Davide Marcomini
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4115
Iscritto il: 03/10/2007, 20:06
Skype: Davide.Marcomini
Località: Rovigo
Contatta:

Re: Impianto allarme Comelit: consigli

Messaggio da leggereda Davide Marcomini » 31/03/2014, 22:08

Puoi postare lo schema o, se non vuoi postarlo mandarlo a me in privato?

ale0703
Nuovo utente
Nuovo utente
Messaggi: 29
Iscritto il: 15/03/2014, 23:45

Re: Impianto allarme Comelit: consigli

Messaggio da leggereda ale0703 » 31/03/2014, 22:46

Davide Marcomini ha scritto:Puoi postare lo schema o, se non vuoi postarlo mandarlo a me in privato?

Provo a mandarti il file PDF ma non so se ci riuscirò perché non ho uno schemino singolo.
Se ti arriva il file lo schema e a pagina 16
Ale
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Ultima modifica di staff il 01/04/2014, 22:30, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: Il regolamento vieta la pubblicazione dai manuali tecnici

Avatar utente
Davide Marcomini
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4115
Iscritto il: 03/10/2007, 20:06
Skype: Davide.Marcomini
Località: Rovigo
Contatta:

Re: Impianto allarme Comelit: consigli

Messaggio da leggereda Davide Marcomini » 31/03/2014, 22:56

mmmh, da come la vedo io, dal momento che puoi fare il doppio EOL e non il triplo, essendo già di per se una linea Tamper, dovendo comunque fare la serie la i 3 dispositivi tato vale farle NC, a meno che tu non disponga di qualche zona libera, in questo caso mi terrei una zona per il tamper di ogni sirena e una per la centrale.

ale0703
Nuovo utente
Nuovo utente
Messaggi: 29
Iscritto il: 15/03/2014, 23:45

Re: Impianto allarme Comelit: consigli

Messaggio da leggereda ale0703 » 31/03/2014, 23:56

Davide Marcomini ha scritto:mmmh, da come la vedo io, dal momento che puoi fare il doppio EOL e non il triplo, essendo già di per se una linea Tamper, dovendo comunque fare la serie la i 3 dispositivi tato vale farle NC, a meno che tu non disponga di qualche zona libera, in questo caso mi terrei una zona per il tamper di ogni sirena e una per la centrale.


Temo di non capire cosa intendi.
Alla pagina 34 del manualetto, sulla scheda "Caratteristiche Tecniche della Centrale" è riportata la dicitura:
"Circuito di rivelazione manomissione" --- "A doppio bilanciamento, chiuso su terminazione di valore 1800 ohm (2 resistenze)"
Mi parli di "doppio EOL" . E' forse lo schemino in fondo alla pagina 16 ?
Cosa intendi con "tanto vale farle NC" ? Forse intendi i tre contanti in serie con la resistenza da 1800 ohm ?(l'ingresso è tarato per questo valore)
So che tu non sei favorevole all'uso dell'ingresso 24H (qualche post fa lo hai scritto) ma supponendo di disporre di zone libere, come lo collego il tamper in doppio bilanciamento se non c'è il contatto d'allarme che, con questa configurazione, viene collegato in parallelo ad una resistenza.
Anche qui dovrei collegarlo con una resistenza da 1800 ohm ?
Ale


Torna a “Il professionista risponde”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 11 ospiti